Motori ad una velocità

Gli avvolgimenti dei motori standard possono essere collegati nei due modi sotto indicati:

Collegamento a Stella

Collegamento a Triangolo

Numero poli: 2,4,6,8 ...

Velocita di sincronismo a 50 Hz (giri/min): 3000, 1500, 1000, 750 ...

Esempio di collegamento

Tensione del motore Tensione di alimentazione Schema di collegamento

380 / 660 V

400 / 690 V

380 V

400 V

    AVVIAMENTO STELLA / TRIANGOLO

380 / 660 V

400 / 690 V

380 V

400 V

    TRIANGOLO

220 / 380 V

230 / 400V

380 V

400 V

    STELLA

220 V

230 V

    TRIANGOLO

Dalla tabella possiamo ricavare la seguente regola generale:

quando in un motore vengono indicate due tensioni di lavoro (e si tratta di un motore stella-triangolo, non di un motore a due velocità)
  • se abbiamo a disposizione la tensione più elevata utilizzeremo un collegamento a stella
  • viceversa se abbiamo a disposizione la tensione più bassa utilizzeremo un collegamento a triangolo.

Collegamento per motori a due velocità con due avvolgimenti


Numero poli: 2/6, 2/8, 4/6, 6/8

Velocita di sincronismo a 50 Hz (giri/min): 3000/1000, 3000/750, 1500/1000, 1000/750

Collegamento Dahander per motori a due velocità a coppia costante

Sistemi di protezione

Per proteggere l'avvolgimento di un motore trifase a induzione contro le sovratemperature causate da sovraccarichi, funzionamento senza una fase, rotore bloccato ecc..., è possibile adottare uno dei seguenti sistemi:
Termoprotettore bimetallico o PTO Composto da due elementi posti in serie con contatto normalmente chiuso, che si apre quando la temperatura dell'avvolgimento raggiunge la temperatura massima ammessa dalla classe di isolamento del motore.
Sensori di temperatura PTC

o Termistori

Composto da 3 sensori (uno per avvolgimento) collegati in serie, hanno la caratteristica di variare rapidamente la loro resistenza al raggiungimento della temperatura chritica per la classe di isolamento del motore.

I PTC devono essere collegati ad un apposito relè di controllo.

Ne è consigliato l'utilizzo con motori comandati da inverter (o variatore elettronico di frequenza).

Resistori termometrici PT100 Può essere composto da una o più PT100. Presentano la caratteristica di variare proporzionalmente la loro resistenza al variare della temperatura.

Sono indicati per un controllo continuo della temperatura del motore.

I PT100 devono essere collegati ad un apposito relè di controllo.

Potrebbe interessarti anche: